Cerca

QUANDO SIAMO IN CRISI CERCHIAMO I COLPEVOLI E PERDIAMO TEMPO

Diciamolo chiaramente: addossare le colpe agli "Altri" è l'alibi che ci piace di più. Che sia la soluzione è tutta un'altra faccenda.


Siamo in questa situazione per colpa del governo, dei politici, della sanità, della scuola, della finanza, degli ignoranti, degli indifferenti... potrei andare avanti per ore.

Basta entrare in un circuito social qualsiasi per rendercene conto, basta iniziare qualsiasi discorso in contesti aziendali o privati per assistere a lezioni (si fa per dire) di pseudo esperti che sanno con assoluta certezza individuare "I Colpevoli".

Raramente - e spesso molto superficialmente - troviamo persone che vanno alla ricerca e all'analisi del "perchè siamo arrivati qui?".


Forse perchè abbiamo seguito la corrente, forse perchè ci siamo sentiti più tranquilli nell'affermare ciò che affermava la massa, forse perchè "Se lo dice lui/lei" vuol dire che è giusto e forse perchè abbiamo disimparato a pensare con la nostra testa, o peggio, abbiamo paura di farlo.


Pensare con il proprio cervello è importantissimo, lo è sempre stato, ma oggi è davvero un imperativo a patto che ci siamo accertati di riavviarlo. Sì, perchè il nostro cervello risponde a stimoli che partono da noi e noi dobbiamo rimetterci in forma, allenandoci a fare cose che abbiamo dimenticato:

APPROFONDIRE: ci vuole la volontà di farlo per abbandonare quel vivere a pelo d'acqua che ci rende infelici, insoddisfatti e manipolabili.

SNELLIRE: ci vuole la volontà di abbandonare con decisione l'abitudine dell'esserci a tutti costi e ovunque per fare spazio alla determinazione di esserci a tutti costi dove serve e quando serve.

GESTIRE IL TEMPO: ci vuole consapevolezza del valore del tempo, della qualità che gli vogliamo attribuire, del significato del suo scorrere e della sua perdita.

ESPLORARE: ci vuole più coraggio nella scelta di nuove strade, nell'accettare l'evoluzione, nell'attrezzare il nostro zaino di viaggio con nuovi strumenti, nel cambiare le nostre i idee.

AGIRE: serve una riqualificazione della parola. Se commentiamo sui social, guardiamo tutte le trasmissioni in tv, leggiamo tutti i quotidiani possibili e poi lasciamo spazio incondizionato alle nostre abitudini, alle nostre vecchie convinzioni, alla nostra indolenza, alla nostra paura o rabbia il nostro Agire sarà vicino allo zero.

ALIMENTARE LA FIDUCIA nel nostro potenziale. Sì, perchè "noi possiamo" a patto che torniamo a studiare per capire, ad allenarci per essere partecipanti attivi e ad accettare il cambiamento che ci aspetta, a mio parere, epocale.


Steve Jobs disse: "stay hungry stay foolish". Concordo e aggiungo "Siate Coraggiosi".


I COME


IDEE

INGEGNO

IMPEGNO

INIZIATIVA

INTELLIGENZA

INTEGRITÀ

INIZIO









11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti